Teatro a scuola

teseo                                                  accademia teatrale

teatro stabile veneto                                              

            

Progetto Teatro USR Veneto, Teatro Stabile Veneto

Accademia Teatrale Veneta 

Corso: L’Uso della voce

nel Modello Veneto TeSeO

Durata: 20 ore, marzo-maggio 2019

Docente: FEDERICA SGOIFO

Destinatario: LICEO STATALE “GALILEO GALILEI”, – Dolo (VE), studenti del Gruppo Teatro 

 

Presentazione 

Da quest’anno scolastico 2018/2019, all’interno del corso di recitazione tenuto dalla dott.ssa Francesca D'Este presso il liceo statale Galileo Galilei di Dolo, una rinnovata offerta formativa promossa dall'Accademia Teatrale Veneta in collaborazione con la Regione Veneto ed il Teatro Stabile del Veneto (Te.S.eO teatro scuola e occupazione) prevede l'approfondimento di uno degli aspetti più importanti del mestiere dell'attore.

https://www.teatrostabileveneto.it/teseo/propedeutica-2/

Si è perciò deciso, in quest'occasione, di dedicare 20 ore di lavoro sull'uso della voce, con predilezione per la voce parlata, che è elemento di eccellenza nella recitazione e nel Teatro di Parola. 

Obiettivi/Competenze 

Obiettivi

  • Imparare a conoscere e riconoscere la propria voce
  • Sviluppare il senso della propria identità e l’autostima
  • Potenziare la capacità di comunicare pensieri ed emozioni
  • imparare ad ascoltare e percepire se stessi e gli altri in funzione della scena

Competenze

  • Utilizzare le potenzialità personali
  • usare la voce per meglio esprimere se stessi
  • Saper improvvisare vocalmente
  • Saper usare la voce per meglio esprimere pensieri ed emozioni del personaggio

Per un adolescente il lavoro sulla voce può essere particolarmente utile sia da un punto formativo e performativo, sia personale. Il lavoro sulla voce, nella sua pratica respiratoria e nell'emissione del suono, può rivelare eventuali ansie e difficoltà comunicativo - relazionali del ragazzo, assolutamente comuni in questo periodo della sua vita. Ecco che quindi un approccio giocoso all'uso voce, che si sviluppa attraverso un lavoro fisico (la voce ed il respiro sono risultanti di processi fisiologici) ed uno percettivo, può avviare una sana pratica di ascolto di sé e dell'altro da sé.

Imparare a conoscere e riconoscere la propria voce e le sue potenzialità, risulta essere un elemento identitario di non poco conto che può rafforzare l'autostima e migliorare l'esternazione di pensieri ed emozioni che spesso nell'adolescenza “non hanno voce”. 

Non dobbiamo però soffermarci solo sui benefici in ambito relazionale e personale, perché l'insegnamento della voce ha funzione educativa e formativa ben definite in quanto avvicina ad una pratica, quella dell'uso e sviluppo della vocalità, che potrebbe continuare, un domani, sia in ambito artistico che in altri ambiti lavorativi legati, ad esempio, al mondo della comunicazione.

Per i ragazzi del liceo statale Galileo Galilei lavorare alcune ore sulla voce, anche attraverso un approccio ludico/creativo, può risultare utile per acquisire le prime competenze e capire quanta energia, tempo ed attenzione si possano e si debbano dedicare a questa ed altre pratiche teatrali.

Sono attesi dunque nuove vocazioni e nuovi attenti ed informati spettatori dell'arte scenica.

Contenuti/metodi 

Un impegno di 20 ore di lavoro sulla voce prevede degli insegnamenti che vanno a comporre le basi per un successivo auspicabile approfondimento.

Prendendo a prestito gli insegnamenti del teatro sulla voce ed alcune discipline specificatamente a lei dedicate, il lavoro si articolerà su questi argomenti:

Consapevolezza del proprio respiro e dell'opportunità di usare una respirazione più completa

usando il diaframma toracico.

  • Emissione della voce attraverso suoni e parole con particolare attenzione ad una articolazione corretta.
  • Esempi di ritmi diversi attraverso piccole composizioni sonore e verbali uniti ad un lavoro sull'intensità ed il passaggio dal piano al forte.
  • Scoperta di dove sono i principali risuonatori, della possibilità di cambi timbrici, di uno scioglimento vocale con i glissando e giochi d'improvvisazione con la prosodia.

Un training fisico iniziale viene proposto ad ogni incontro per sciogliere eventuali tensioni dannose alla voce.

 

Pubblicata il 15 marzo 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.